Regole di Vita Takeshi Kitano

• Regole di Vita Takeshi Kitano

Regole di Vita Takeshi Kitano

Non mi aspetto molto dalla vita.

Mio padre era un pittore, ma dicono che era un yakuza. Abbiamo vissuto in un tipico quartiere operaio, e tutti i nostri vicini erano un yakuza, o artigiani. Yakuza sembrava molto ripida e sono stati molto gentili con noi bambini. Ci ha dato soldi in tasca, comprare i dolci, ma non ci ha mai viziato. Se hanno visto che alcuni dei bambini fumare o bere, e potrebbero battere. E hanno sempre detto, "assicurati di essere attenti ai loro genitori e mai saltare la scuola, ed è finito per come lo sono io."

Si dice che i bambini imparano leggendo il loro padri. E se il padre va solo al lavoro ogni mattina?

Per noi, i giapponesi, per essere felici - è a qualsiasi età a impegnarsi nel lavoro che ti piace.

Ho recitato nello show televisivo, ero un comico, attore, regista e scrittore. Voglio essere ricordato come un uomo che non ha mai raggiungere la cima, in ogni caso, ma è stato il migliore nella capacità di fare molte cose contemporaneamente.

La mia carriera di regista - è solo la capacità di sperimentare una sconfitta dopo l'altra.

Non molto tempo fa ho rivisitato "brutale della polizia" (il primo film Kitano 1989 -. Esquire). Ho dovuto prepararsi per un colloquio, e mi ha letteralmente mi costrinsi a sedersi davanti allo schermo. Questo è quello che ti sembra di sentirsi in questo momento, quando si è costretti a guardare i video dei vostri figli. E 'molto imbarazzante. Voglio fare un film che non è soggetto a classificazione. Voglio che il pubblico ha lasciato la sala, non sapendo cosa dire e cosa pensare.

Io non sono ispirato da altri registi o altri film. Ho solo imparare dai nostri errori.

Tutti i film che modificare me stesso. Molto spesso decido di non girare alcune scene durante le riprese cominceranno a sembrare come optional. Ma poi, già nell'installazione, mi rendo conto che queste scene e avevo bisogno. Che cosa sto facendo? Prendo pezzi da altre scene e li usa come sostituto. Io lavoro in questo modo: "Oh, abbiamo dimenticato di fare il volante! Mettiamo al suo posto della ruota di scorta. "

Non dobbiamo permettere ad altre persone di tradurre le vostre idee.

L'umorismo è come la violenza. E poi, e un altro cade su di te improvvisamente - e l'imprevisto, maggiore è l'effetto.

Quando il mio film di qualcuno di essere stato picchiato, ferito diventa lo spettatore.

Ho sempre affittato violenza modo più naturalistico, perché voglio che il pubblico sentire il dolore. Non potrò mai rimuovere la violenza, come se si trattasse di un gioco per computer, dove il sangue scorre come l'acqua, senza toccare nulla nell'uomo.

Abbiamo perso da tempo l'equilibrio tra diritti e responsabilità. Oggi, tutto intorno a parlare di diritti, ma nessuno nemmeno balbettare sui doveri.

la gente moderni hanno imparato a ignorare la morte e far finta che non esista. Ma la morte di un uomo dovrebbe sempre - lo voglia o no. Io, per esempio, è sempre pronto per il suo arrivo. Nessuna persona non può decidere quando nascere, e - a parte i casi più tragici - quando morire.

Quando nel 1994 sono caduto su una moto, i medici hanno detto che sono sopravvissuto per miracolo. Ero paralizzato, e ci ho messo due anni per rimettersi in piedi. Quando era già dietro di lui, ho pensato: "Questa è una tale opportunità! Nel mondo ci sono molte storie di come le persone hanno sperimentato qualcosa di terribile, feltro illuminato, e si è verificato il loro cervello è una cosa che immediatamente li geni fatto ". Ecco perché dopo che ho iniziato a dipingere l'incidente. Ma tutte queste storie di illuminazione erano sciocchezze. Mi sono reso conto questo quando dipinse il suo primo quadro.

Io rispetto la tradizione, ma sono sicuro che abbiamo sempre il diritto di cambiare loro se riteniamo che sia giunto il momento per questo.

Non ho guardato un film di Bollywood.