400 km skating Baikal (parte 2)

Continuazione della storia - di seguito sui draghi, gatti amichevoli, sciamani e selezione del percorso complesso.

400 km skating Baikal (parte 2)

a dormire fuori sulla base di Oltrek, abbiamo mangiato nella sala da pranzo del Cisco. La padrona di casa Lena ci ha molto gentilmente accettato. Siamo andati a cavalcare sulle isole di mare piccolo. Jura ha voluto venire con noi, ma abbiamo perso - è andato prima, e noi siamo dopo raggio di ieri sono stati leggermente asciugato ... Ma insieme con lo spirito - e rotolò fuori dopo il sonno pranzo sul ghiaccio. Siamo sulla strada per Lago Baikal è stato accompagnato da un gatto nero fresco è anche molto cordiale, di buon carattere.

400 km skating Baikal (parte 2)

sul mare un sacco di pescatori. Sit se stessi in loro e catturare pesci "Kamchatka" tutto il giorno. Fondamentalmente, cisco.

400 km skating Baikal (parte 2)

promontori molto pittoresca e grotte CAPES mare piccolo: ovunque è possibile trovare una grotta, per entrare in esso, guarda napleski-succo. Un Baikal qui inquieta. Sedersi a riposo sul ghiaccio - e ti senti come in un calderone di acqua bollente. Fortemente qualcosa dentro le sensazioni gorgoglianti in modo tale che la vibrazione è dato ad ogni ghiaccio Bulka. Confronti gastronomica ancora una volta vengono in mente - quando la cena?

400 km skating Baikal (parte 2)

Circa basare Oltrek stupefacente turchese ghiaccio, con piccole bolle, congelati in esso aghi e fili. Sul ghiaccio, spesso si trovano enormi schegge, mattoni. E dove sono venuti qui solo? Ghiaccio ovunque liscio, le crepe non sono vicino ...

400 km skating Baikal (parte 2)

L'isola Oltrek - ghiaccioli meravigliosi e napleski. Questo cosiddetto succo. Se il succo iniziò a formarsi - vuol dire che la natura sarà presto prendere Baikal in inverno catena del freddo. Dall'autunno all'inverno il livello dell'acqua nel lago si riduce di ben il mezzo metro, e ancora di più, che la formazione di tali funghi fantasia, grotte di ghiaccio e ghiaccioli dalle isole e promontori. Sì, e l'acqua spruzzi vento jolly sugli scogli: la costa del ghiaccio prima di congelamento - e rottura dell'acqua Baikal con un forte spruzzo di banchi di ghiaccio costiere.

400 km skating Baikal (parte 2)

L'esplosivo personaggio-Laghi Leggende e crea tali immagini. E se andiamo neve bagnata ... Dicono che in alcuni anni addirittura del Capo Kobylya testa era completamente ricoperto di succo dal basso verso l'alto. E c'è l'altezza di quasi 30-40 metri.

400 km skating Baikal (parte 2)

In un'isola Oltrek può facilmente essere portato via. Per qualche ragione, quando togliamo sulle isole della terra, che copre un po 'sacra, alto senso di pace e tranquillità. Senti la potenza.

400 km skating Baikal (parte 2)

Oltrek lontano sembra Island 2: bianco e marrone, Yin e Yang, combinati in una fretta. Su entrambi i lati, si può tranquillamente andare in alto, toccando sulla strada per gli affioramenti rocciosi, guardando come un monumento Burhan. Nella foto - Cape Hadarta:

400 km skating Baikal (parte 2)

Ecco un estratto dal bellissimo libro "Il giro del lago per 73 giorni," Eric Butakova:

"Qui sul lago Baikal ha ancora due lati inseparabili e ogni lato non è peggiore rispetto agli altri, ogni integra l'altro e non può esistere senza di essa. Beh, per esempio: Russo (regione di Irkutsk) e costa Buryat. Su entrambe le sponde del lago e vivere russo e Buriazia. Sia venerano e liquori buriati (Burhan) e pregano nelle chiese ortodosse. Casa, vestiti, cibo, la lingua, i bambini, stile di vita e stile di vita, ma quasi tutto - linked e per sempre essere ridicolo (meticcio). Ma quando hanno finito di bere alcuni rappresentanti di etnia mare meraviglioso, immediatamente diventare - un convinto Buryat, un sacco helluva belokostnym russo. E ... ho volato! Al mattino, otmachivaya contusioni, rinfrescare la linea di contatto tra loro o vodka russa, o buriata tarasun, più spesso - e che, e un altro, e allo stesso tempo. Quel villaggio, quasi tutti: il piccolo, il Grande. A quanto pare nazhrutsya due fratelli Buguldeytsa, raskhleschutsya in dribadan, e il fratello minore vagato sopra la collina di tagliare la sua fattoria, e lo ha fatto Narok Minore. A mio parere, qualcosa che è ... "

400 km skating Baikal (parte 2)

Il ghiaccio Maloe sorprendente. E 'impossibile staccarsi dalle fessure, anfratti, che riflettono un caleidoscopio sole generoso Siberia.

400 km skating Baikal (parte 2)

Nel silenzio dell'inverno Baikal si può ascoltare il suono del suo cuore.

400 km skating Baikal (parte 2)

E 'possibile ascoltare il vento, guardare la fessura di ghiaccio ...

400 km skating Baikal (parte 2)

Lungo Lake Shore dalla base Oltrek può raggiungere a piedi lo spiedo di ciottoli con Kurminskim mantello (Uyuga promontorio). Con l'aumento del capo e vedere il Baikal, e tutto il campeggio sulla spiaggia. Alcuni un'esperienza molto diversa dal lago qui. Qui civiltà, case e calore. Non c'è più la sensazione che era i primi 4 giorni nel deserto. Ma Baikal è diventato un po 'più caldo e casa per noi.

400 km skating Baikal (parte 2)

Se possibile, cercare di salire sul punto più alto delle isole del lago Baikal. Vista d'insieme del ghiaccio è buona.

400 km skating Baikal (parte 2)

Kurminskaya treccia:

400 km skating Baikal (parte 2)

Da Capo Uyuga passare attraverso isola Oltrek Ogoy a isola.

"In Piccola Sea dispone di un'isola - Ogoy chiamato. Quindi vale la pena di uno stupa buddista. Stupa di illuminazione. Ha messo gli sciamani dei popoli del nord e della Siberia, insieme con i monaci buddisti. E 'prevista l'libri saggi, mantra, potere, armi perforanti, e c'è qualcosa di diverso. Ufficialmente - è una sorta di tempio, pietra, che i credenti possono esprimere un desiderio e si avvererà. Tuttavia, quando siamo stati qui nel 2006, poi ha trascorso la notte in uno della famiglia Buryat. E il ragazzo, il capo della famiglia, buddista, ci ha detto un altro motivo per cui tutti i più importanti pianeta buddista stabilito qui stupa.

- Essi ci sepolti il ​​male universale - ha detto - e in cima a mettere questo stupa, che impedisce che lui vada libero.

- Perché qui? - Ho chiesto

- A causa di un piccolo stupa. Un lago di acqua santa. Gli sciamani dicono che posti più affidabili al mondo per trovare. Qui siamo sepolti qui, anche non abbiamo chiesto. E abbiamo bisogno qui?

Io non sono un buddista, in modo da non so quale sia la ragione è vero, ma io non ne ho bisogno ... "

Con il vostro permesso, ho riflettuto l'immagine orizzontalmente percepito vicino ai miei sentimenti.

400 km skating Baikal (parte 2)

Quando ti trovi prima della fine dell 'isola Ogoy, sembra che in realtà ci sono spiriti che vivono Laghi. coda Sinister del drago sorge sopra il ghiaccio, strappa il cielo con le spine taglienti. Beh, se si immagina che questo non è un drago, e non ci sono spiriti lì - appena si presenta come una zanzara gigante. Il che è anche, in generale, molto male per una percezione del viaggiatore ...

400 km skating Baikal (parte 2)

E qui arriviamo al molto malta. stupa buddista è stata costruita sull'isola Ogoy tempi relativamente recenti - nell'estate del 2005, ufficialmente denominato Stupa, conquistando Demoni contenente una statua della forma femminile, la Madre di tutti i Buddha solo Madre Troma Nagmo.

400 km skating Baikal (parte 2)

In generale, la gravità di una certa specie, piuttosto che il nome dello stupa. E l'essenza è questa: è stata costruita (costruito tutta l'estate), e messo a molte reliquie differenti. Ora andare là fuori e pellegrini, turisti, adorano lo stupa, pensieri relax.

400 km skating Baikal (parte 2)

I ragazzi erano come un paio di volte intorno allo stupa, ha salutato il tramonto. Lasciando sotto una coltre di nubi sole illuminava il cupo isola Olkhon, le montagne della Cisgiordania.

400 km skating Baikal (parte 2)

Per una sensazione deprimente, pesante qui. Come un milione di pensieri allo stesso tempo che era caduto. L'ansia e la paura, il dolore e il dubbio. Insolitamente lì, consapevolmente scelto questo posto nel stupa.

400 km skating Baikal (parte 2)

nastri Tutto intorno le tende. Mi sento come in Nepal ...

400 km skating Baikal (parte 2)

del sole al tramonto.

400 km skating Baikal (parte 2)

Quanto più si scende nel buio - le opprime più forti questo luogo. È necessario disporre di ritornare alla base, al calore e alla luce. E poi ci sono tutte le pezzo di ghiaccio, come se a guardare di nascosto ...

Buona volare sul ghiaccio per riscaldare la casa con la luce stufa. Tra l'altro, a casa nell'accogliente Oltreke come inondato la stufa russa - e nessun posto dove dormire meglio. Guance rosse dal freddo e dal vento, usurati noi. E anche dopo tutto e il bagno di oggi! Andiamo al bagno pubblico, la bellezza qui - calore bagno rilassa immediatamente. Warm up con scope, inondato - e il sonno. Racconto. Grazie Oltreku, grazie a questa casa affabile. E soprattutto grazie alla Jura. Così si vuole tornare qui di nuovo.

400 km skating Baikal (parte 2)

Questo programma - andare a Capo Elga Olkhon (dal buriata Elga - "ovrazhy" Elga - "canalone"). Andiamo Oltreka attraverso Zamogoi. Meteo di nuovo bene, onestamente, diventa fastidioso: il sole splende, gli occhi di ghiaccio accecante. E le foto sono di buono può essere fatto solo nel clima con la nube. Ci fermiamo per il pranzo presso l'isola Zamogoi, che impressiona con le sue pareti rocciose inespugnabili. Ci sediamo in silenzio, pronto ad accettare il cibo. E poi - sempre ripresa e sbattere sul lato opposto del lago. suono fulmini ci raggiunge, scuotendo il ghiaccio, si apre tesa. Saltiamo dai loro posti, come gli scoiattoli disturbati, si guardano intorno. Uff, che era passato come il suono è andato via. Pampers Baikal, mostra il suo potere. Gopher - tana pranzo. Ci alziamo - andare oltre. Presto il percorso è bloccato da una vasta crepa fresco: a quanto pare, è stata aperta dopo il terremoto. Crack non va: tenere modo Elgaysky nella baia. Raggiunta abbastanza rapidamente verso la riva di Olkhon.

400 km skating Baikal (parte 2)

Il Buryat locale v'è una leggenda che sull'isola pascolavano branchi Gengis Khan, e che in una delle montagne vale la pena lasciato la caldaia. Il più grande insediamento di Olkhon Buryat Ulus apparentemente Dolonargun, in cui fino a 25 yurte e più di un centinaio di persone. Alcuni dicono che non v'è sepolto Gengis Khan se stesso (anche se su ciò che pone semplicemente non dire ...).

Salirono una collina e si sedettero e poi abbiamo abbracciato un forte senso di pace e tranquillità tale. Probabilmente perché la prima volta che Olkhonskiye sulla terra. Finalmente raggiunto il suo obiettivo. Circle - steppa, nubi dispersione, Baikal ronzando davanti a noi, come se con un'improvvisa ondata di sbattere contro perse in Olkhon. Così bene che vanno da nessuna parte e non vogliono. Sedersi e guardare il lago.

400 km skating Baikal (parte 2)

Ma no, l'obiettivo di oggi - Khuzhir. Ci sono molti posti più belli avanti, dobbiamo andare. Guidiamo lungo la costa di Olkhon già. Qui Lesch molto bene ci dice telefono Thani, padrona di casa in Khuzhir. Così, dove trascorrerà la notte! Ora vai lungo la pista di ghiaccio MRS-Khuzhir.

Andando una volta mestamente: la civiltà, auto passano, clacson, agitando le mani. Ghiaccio nella benzina, curato e picchiato. La maggior parte sarebbe andato di nuovo e di entrare in un deserto dove non ci sono auto e persone. Quasi sulla strada per Khuzhir da noi macchine volanti spedizione: ATV, jeep. I ragazzi ovviamente con interesse lo sguardo verso di noi, agitando le mani, accogliente. Come molto a disagio diventiamo, sia nello zoo sono seduti nelle cellule, ma come uno sguardo a animali selvatici su di voi.

Una delle auto si fermarono - salite contadini ci salutano. Inizia a chiedersi, a domanda, per toccare e fotografare i nostri pattini Norvegese. Subito evidente - non locale. Probabilmente moscoviti, e in casi estremi irkutchane, così lascia trattare con gli ospiti. Un piccolo uomo con un'aria di importanza per noi comincia a raccontare di quanto sia pericoloso Baikal, e che terribile impresa, siamo stati coinvolti. O si è ubriacato, se guardiamo a tutti i bambini. Penso tra me e me: oh, si è sbarazzato presto - avremmo arrivare a Khuzhir, warm up, stand alcuni lyalyakat freddo. "E di lasciare le foto con le scimmie!" - una delle trasmissioni contadini. Dai, che porti con te! Tutto - a guidare! Gli uomini della spedizione, buona, divertente, ma il modo in cui sono diversi. Presto sorpassi un'altra macchina - ci cade piccolo uomo cade piatto sul ghiaccio e comincia ad avere "sparare", gridando allo stesso tempo straziante, "! Passa da" Sì, navigato ...

Beh, niente, lasciato tutto sulle loro ostelli, lasciaci in pace. E siamo arrivati ​​a calmare baia, sorpresi ghiaccioli su un grande navi abbandonate. Abbiamo telefonato Tanya, arrivati ​​in albergo. E 'stato tutto molto modesto, ma confortevole, pulito ed economico. Tanya - una specie, persona cordiale. Tutti noi mostrato aiuto di cui avete bisogno. E per quanto riguarda la parte posteriore con la sua auto d'accordo. E un altro interessante incontro in serata: i contadini, i pescatori in scena qui per il vostro business: comprare il pesce da quello locale e il suo trasportato a Irkutsk. Molto abbiamo imparato e la pesca, e pone Olkhon.

400 km skating Baikal (parte 2)

Tutti corse rapidamente a Shamanka! Da non perdere il tramonto. Per cercare rifugio proprio il paese del sole sopra l'orizzonte. Il luogo è impressionante: una bellissima baia, l'insolita rock - Cape Burhan. Ottimo luogo di pellegrinaggio per turisti e fotografi da tutto il mondo. A sinistra - una rupe di pietra Capo Ercole.

400 km skating Baikal (parte 2)

il sole tramonta lentamente dietro le montagne, e sul ghiaccio in basso a fotografi run-storie. L'oro versato in ghiaccio del lago Baikal. Lentamente, nuovi colori: viola, blu, notte ombra.

400 km skating Baikal (parte 2)

Il nome storico del promontorio - Burhan - a quanto pare è andato fuori delle tradizioni della popolazione locale a fare sacrifici nella grotta di roccia spiriti buriati. Più lontano è stato sciamani di dumping. La grotta si trova a ovest Shamanka, altezza 3 metri e un percorso stretto attraversa una roccia attraverso ad est. Ora più comunemente chiamato Cape Burhan. La parola "Burhan" buriati buddisti divenne noto come la divinità del lago Baikal. "Boer" - lo stesso del nome del Buddha. Nell'antica grotta sciamanico era una cappella buddista, in cui sono stati collocati varie figure di divinità buddiste, icone, candele e una varietà di fumare utensili sacrificali.

400 km skating Baikal (parte 2)

VAObruchev, scienziato russo, che ha studiato Baikal, ha scritto circa lo sciamano:" ... ma il più notevole timore superstizioso che Olkhon buriati alimentato alla grotta. Da rocce sciamanici non può passare sulle ruote, ma solo a cavallo o in una slitta, il motivo per cui nella comunicazione periodo estivo tra le parti occidentali e orientali di Olkhon solo a cavallo, e solo in rari casi, come buriati generalmente riluttanti ad andare oltre la grotta; .. Inoltre, nel caso in cui una delle famiglie dei defunti hanno, i membri di questo genere, vale a dire, un intero metà dell'isola, era proibito passare dalla grotta per un certo tempo; Per questo motivo, la mia guida - forato da Dolon-Argun mi ha portato a Khuzhir ed è tornato, stavo guidando con un altro buriati battezzati passato la grotta di Ulus Kharantsy qui ha preso un altro conduttore; stessa cosa "era sulla via del ritorno.

400 km skating Baikal (parte 2)

e noi continuiamo a guardare il tramonto sul lago, a guardare i colori sfuggente dell'alba e ha ricordato le leggende e racconti associati a questo luogo di potere. Un sacco di leggende su questo luogo. Qui è uno:

. E mentre il rullaggio piroette praticati screwy sul suo hondochke che sembra come un insetto sulla strada ...

400 km skating Baikal (parte 2)

Sono andato a prendere le immagini del punto più popolare e "logoro" del mantello. E ci sono già un paio di fotografi in piedi, le catture di luce. Ha parlato - si è scoperto, questi sono i compagni della spedizione. Mi sono tolto un po 'di stretching leggero. I contadini-fotografi con treppiedi placata sotto la birra omul e - godersi la vita. Uno (probabilmente il più fastidioso fotografo) era in servizio presso lo stand. Qui qualcuno chiama al telefono, e lui rispose: "Ho hugh! - e riaggancia ". Portato via da un uomo, però.

In fondo a una macchina di passaggio fuori del loro gruppo - lo stesso fotografo ha deciso di sfruttare un driver per l'arte, grida attraverso lo sciamano, "Ho bisogno di una barra rossa! Spostare in modo da non syak!". A quanto pare, non è il destino ci ha per godere della pace Shamanka, capirlo e lasciare l'interno, per vedere dal vivo la leggenda del luogo santo. Uno dei 9 santuari dell'Asia, come in qualsiasi modo ... Resta da sperare per la mattina.

400 km skating Baikal (parte 2)

Buon sonno in un albergo, la mattina sveglia sana con le forze di marea. Vado attraverso la calma sonnolenta Khuzhir a Burhan - per incontrare il sole. Ah, ecco di nuovo ragazzi, colleghi. Ridere, scherzare è intriso discutere girando rosa sulle montagne all'orizzonte. Ecco i primi raggi sul Sciamano: tagliare lentamente attraverso la striscia rossa sulla cresta della montagna. Fotografi tesi: saldamente afferrato il suo movimento della fotocamera con violenza sulle corde, eccitato gridando frasi come "Ecco fatto, ora sarebbe una banda chiaro - non sparare su!". La tensione è in crescita, e il culmine di nastaot - v'è la caratteristica molto sfortunato. Fotografi giurarono e cominciarono a consigliare l'un l'altro per fermare i tentativi senza senso di catturare sciamano completamente rovinato. Hanno messo in valigia le loro macchine fotografiche - e siamo andati tranquillamente a piedi su, eseguendo missione caro.

400 km skating Baikal (parte 2)

E ho anche soggiornato per un tempo in silenzio. Va bene, basta sedersi su una roccia, guardando il sole come una nuova luce splende tutto intorno.

400 km skating Baikal (parte 2)

Gli alberi e pali in Shamanka tutti i nastri legati. Si dice che gli spiriti dei Buryat cui è necessario per placare, per aprire la strada. Al fine di non perdersi e raggiungere il suo obiettivo.

400 km skating Baikal (parte 2)

Il cielo azzurro, il villaggio risveglio. Da qualche parte un cane che abbaia istericamente, Husky corre lungo una recinzione e agitando la coda amichevole. E torno ai tuoi amici.

400 km skating Baikal (parte 2)

locale chiaramente capito che con i tedeschi, francesi e altri come loro, è possibile ottenere un buon reddito (più di mucche, e il lavoro necessario per mettere in meno).

400 km skating Baikal (parte 2)

Pertanto, il locale veloce adattarsi a una nuova fonte di reddito - e decorato i loro sgradevoli domushki degni Capolavori della pubblicità. Caso Ostap è vivo e vegeto! Quindi sono in un hotel.

400 km skating Baikal (parte 2)

Anche la polenta è pronta, tutti seduti a tavola. Rapidamente stiamo andando, e passare a Sandy Bay.

400 km skating Baikal (parte 2)

Più vicino a Hoboyu - tutti fortemente sentire la tensione del ghiaccio. Banchi di convergono frecce stupefacenti, le stringhe sottili sono serrati, pronto a rompere e rompere, risentirsi il potere del lago Baikal. Grande roccia in riva spingendo sul ghiaccio. Il confronto costringe Olkhon e potenza Baikal dura per migliaia di anni.

400 km skating Baikal (parte 2)

Si incontrano diversi gruppi di turisti. Tutti vanno a piedi, troppo grandi progetti - tangenziale di Olkhon. Beh, buona fortuna a voi ragazzi! E noi abbiamo il nostro modo - per Hoboyu.

400 km skating Baikal (parte 2)

Oggi, ci alziamo per la notte in una splendida posizione, proprio al Hobo. Sul ghiaccio, per la prima volta sul ghiaccio! Cercando prima di ottenere i boeri - nel ghiaccio non sono avvitati. O lui così forte, o borace opaco. Comunque, oggi il vento è ancora lì.

400 km skating Baikal (parte 2)

vagato la ripida raspadku al piano di sopra per guardare Olkhon da un'altezza. Esso offre una splendida vista panoramica sul lago e sulla riva dell'isola. Visibile anche sponda occidentale di Olkhon e Cape Khoboy.

400 km skating Baikal (parte 2)

Cfr il nostro modo di domani. Ghiaccio ovunque pulito, senza neve. isole visibile Ushkanyi all'orizzonte e un gigantesco crack-difetti. Arriviamo verso il basso, fare un fuoco in una piccola grotta-burrone. Fosse bello: Anche in questo caso si tratta di una sensazione di distacco dalla civiltà. Fiamme del fuoco getta riflessioni sulle grandi rocce a strapiombo, il prossimo - una ciotola gigante del lago Baikal e lampeggiavano sulle vetture orizzonte fari lucciole.

400 km skating Baikal (parte 2)

Abbiamo tempo per scattare foto in alto. Vista dalla sorprendente top!

400 km skating Baikal (parte 2)

mattina presto è salito di nuovo per Hobo - paio di chilometri attraverso giganti creste campo di ghiaccio. Vado verso l'alba. Il sole sorge sulle vele di cumuli, migliaia di frammenti riflesse in piccoli pezzi trasparenti di ghiaccio. Mistero. Situato a Cape Khoboy prime ore del mattino, si incontrano i primi raggi del silenzio - questo è un momento di felicità.

400 km skating Baikal (parte 2)

La ​​natura apparentemente scherzato su un uomo. Nella forma della roccia può vedere chiaramente la sagoma di una donna. Regione meridionale e chiamato Hobo - Rock Vergine. Il suo nome Khoboy ricevuto per l'apertura sul modulo di Rock Lake simile a un animale canina ( "Khoboy" - significa che il linguaggio buriata "Fang"). Per lo più Khoboy cucita fori passanti - a quanto pare da infuria venti qui. Da questa roccia ancora legata una leggenda. Si dice, visse un giovane marito e moglie. Suo marito era un laboriosa e ha provato per la famiglia dalla mattina alla sera. E non solo per se stessi - tutti intorno aiutato. Una moglie era invidioso, dannoso. E ancora non è stato sufficiente ... Qui è una ricompensa per il duro lavoro dei marito (spiriti Baikal) ha dato il palazzo. E sua moglie era così invidioso che lei ha deciso di avere anche palazzo lago di chiedere. Qui Baikal e punito la ragazza, trasformandola in pietra. Perché altrimenti si sarebbe bisogno di un palazzo e perché è con la barba - la leggenda è in silenzio ...

400 km skating Baikal (parte 2)

​​Il meraviglioso racconto d'inverno - è il grotte di ghiaccio e grotte Hobo. Onde del Capo e il vento raccolto da succo di spruzzo congelamento sulle rocce - con napleskami ghiaccio forme sorprendenti. I castelli di ghiaccio convertiti grotte sul lato nord del promontorio.

400 km skating Baikal (parte 2) 400 km skating Baikal (parte 2)

Con Hoboyu è difficile da ottenere: Cape accatastato davanti ad un enorme campo di hummocks di ghiaccio, di fronte a questi campi - fessure umide. Olkhon dente mantiene la difesa contro il lago.

400 km skating Baikal (parte 2) 400 km skating Baikal (parte 2) 400 km skating Baikal (parte 2)

Di fronte - sponda lago di fronte solo lontanissima. Abbiamo pensieri passano attraverso il lago, raggiungendo Ushkaniye. Ma le voci circa le molte crepe, venti forti hanno superato l'idea un po 'folle. Così abbiamo obognom Olkhon e andare lungo la costa orientale.

400 km skating Baikal (parte 2)

Il tempo si deteriora, RAID nuvole. E 'incredibile quanto velocemente il tempo può cambiare sul lago Baikal. Tenete gli occhi aperti, con Baikal da scherzare! Khoboy aggirare per evitare di cadere in un crepaccio.

400 km skating Baikal (parte 2)

E ora - abbiamo andiamo lungo la sponda orientale di Olkhon. Sembra lontano non siamo andati, ma la natura è molto cambiata: il ghiaccio e l'altra, e le rocce sono come fiammiferi, allungato verso il cielo.

400 km skating Baikal (parte 2)

Avviare facilmente: tutto da zaini povyedali ghiaccio e cumuli dopo il campo sembra che spinge in avanti.

400 km skating Baikal (parte 2)

Le rocce intorno Uzury - il sogno dell'artista. fiamme rosse e gialle sembravano salire verso il cielo sopra le potenti banchi di ghiaccio. Ti senti piccolo e indifeso ometto di fronte dell'elemento. Oggi abbiamo avuto un piano di base - per inviare Loshu in auto da Uzury a Khuzhir (lui volare prima). Così siamo venuti a Uzury. Una volta che gli ospiti vuote qui, chiaramente non felice: a quanto pare i turisti già stanco qui. Finalmente arrivato due zie. I loro occhi sono un po 'male, poco chiaro. Chiedere per una vettura 5000, si ride in faccia. persone cattive ... aspetta un po ', consultata. Da lontano, con un giro arriva fino a noi un gruppo di tedeschi in quel momento. Guidato dalla madre ragazzo russo. Tedesco viene a secco - lascia cadere. Tutti sorriso sciocco. Per i tedeschi, allora ciò che si vuole gratificazione - e si scaldavano yurta e stabilimento balneare allagate. Questo è locale ha venduto la generosità della Siberia e l'ospitalità di valuta estera.

E pensiamo - che cosa fare dopo. Paga 5000 - esattamente una cattiva scelta. Un Loshu deve in qualche modo fornire a Khuzhir. Il fatto che abbiamo deciso e la parte tecnica del percorso (di potenza, il chilometraggio e attrezzature, compresi i pattini) - nel prossimo paragrafo ...